Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Lunedì 13 Febbraio 2017

Torna al successo la squadra degli Juniores allenata da Salvadori, squadra che non perde mai il vizio di soffrire troppo concedendo molto all'avversario; stavolta, però, le cose sono andate per il meglio.

Molte assenze nel reparto arretrato, a cominciare dalla porta, difesa da Corti vista l'indisponibilità di Fanetti; in difesa, poi, accanto a Gabbiani ecco Chiari, terzino adattato, con le fasce presidiate da Di Bella a sinistra e Oriani a destra; Valleri e Poggesi in mediana, Mejia, Berisha e Metti dietro a bomber Mannini.

Proprio la coperta corta dietro porta all'errore che apre la strada per lo 0-1 ospite dopo 5 minuti, ma la reazione non tarda ad arrivare, e si concretizza all'11', con Mannini che sfrutta anche lui un'incertezza del reparto arretrato dell'Euro Calcio. Dopo il gol del pareggio, la partita vive di sprazzi: le difese non sembrano in grado di contenere gli attacchi, e così, alla mezz'ora, Mannini viene steso in area, e Mejia può trasformare il rigore del vantaggio. Ci pensa Metti, poi, ad infilare il sinistro incrociato dove nessun portiere può arrivare. Siamo al 43', e la partita sembra chiusa sul 3-1 dopo l'intervallo. Tuttavia, come dicevamo, adoriamo complicarci la vita, ed ecco al 55' un nuovo rigore, stavolta per loro, che riapre tutto. Da qui in poi è un susseguirsi di emozioni, tra miracoli dei portieri, grossolani errori dei reparti arretrati e deviazioni sottomisura mancate per un soffio, ma il risultato non cambia, e l'arbitro soffia tre volte nel proprio fischietto.

Un 3-2 che ci voleva, dopo i risultati in chiaroscuro delle ultime uscite.